Blog

Giappone magico in inverno

L’inverno regala atmosfere interessanti e nel caso del Giappone, ai meravigliosi scenari innevati rischiarati dal cielo limpido e blu intenso, si aggiunge il vantaggio della calma di una stagione meno gettonata dai turisti e dunque, meno affollata.

Da nord a sud, il Giappone d’inverno presenta situazioni climatiche molto diverse garantendo numerosi plus nel visitare il Paese durante la stagione fredda.

Giappone tra neve, templi e luminarie

Da dicembre a marzo protagoniste assolute dell’inverno giapponese sono le luci di fuochi e lanterne che illuminano città e villaggi. A Tokyo, il quartiere di Roppongi si accende di bianco e di blu, mentre le sponde del fiume Megurogawa sono illuminate da mille luci rosa, in onore delle foglie dei ciliegi in fiore
(www.japan-guide.com/e/e2303.html).

A Nikko, dalla fine di gennaio all’inizio di marzo centinaia di candele vengono accese in mini igloo, generando incredibili riverberi sulla neve. Durante il Yunishigawa kamakura Festival, è possibile organizzare dei BBQ all’interno di igloo atti a contenere fino a 4 adulti (http://nikko-travel.jp/english/topic/2016winter.html).

Anche a Kyoto grazie a Hanatoro (in giapponese: via di fiori e di luci) le antiche strade del centro illuminate da migliaia di lanterne e giochi di bagliori e fiori, creano un’atmosfera incredibilmente suggestiva: i quartieri illuminati sono Arashiyama (dal 9 al 18 dicembre), mentre a marzo tocca Higashiyama (dal 3 al 12 marzo 2017). Maggiori informazioni: http://www.japan-guide.com/e/e3943.html

A Kuwana, nella prefettura di Mie, il giardino botanico Nabano No Sato è illuminato da installazioni e i giochi di luce tematici, realizzati con 7 milioni di fonti LED a energia solare, che riproducono figure, paesaggi e immagini di ogni tipo. Uno spettacolo che si può ammirare dal 15 novembre al 16 marzo (http://ilikevents.com/component/nevent/event/3015)

Per ammirare tutta la bellezza etica delle luci del “Kobe Luminarie”, il festival nato in onore delle vittime del terremoto che travolse la città nel 1995, bisogna raggiungere la città di Kobe. Più di 200.000 luci decorate a mano e accese con elettricità attivata con biomasse, donate dal governo italiano e create dall’artista italiano Valerio Festi e dal collega giapponese Hirokazu Imaoka, sono pronte a farvi assaporare tutta la magia di questa terra unita (www.japan-guide.com/e/e2304.html).

Sciare in Giappone

Il Giappone è per il 70% coperto da montagne e può vantare almeno 600 stazioni sciistiche alimentate da abbondanti nevicate. Quella del Giappone, è definita la migliore powder snow (neve polverosa) al mondo.

Le infrastrutture sciistiche sono in media di alto livello ed è possibile scegliere impianti sia di piccole dimensioni sia impianti dalle piste decisamente immense. Il Paese è pertanto un paradiso per gli amanti delle attività outdoor invernali! Maggiori informazioni qui: www.turismo-giappone.it/cose-da-fare-e-da-vedere/attivita-all-aperto/sciare-in-giappone

Hokkaido, la regina dell’inverno

La splendida Hokkaido, la più settentrionale delle quattro isole principali dell’arcipelago giapponese, dove la natura, selvaggia e incontaminata, è padrona.

Ad Abashiri, sul mare di Okhotsk, il pack si estende all’infinito e i banchi di ghiaccio alla deriva suggestionano chiunque. A Kushiro lasciatevi incantare dalla danza di corteggiamento delle gru tancho e dalle meraviglie del Parco Nazionale di Akan; scoprite i paesaggi ammantati di neve, con i macachi giapponesi che si riscaldano nelle sorgenti di acqua calda.

Anche Hokkaido ritempra le membra con le sue sorgive di acqua calda: non c’è niente di più piacevole che concludere la giornata con un bel bagno termale caldo. Scegliete un onsen esterno: tutt’intorno la neve, voi immergetevi nei bollenti vapori. Tra tutte le località termali, vi consigliamo Noboribetsu o Jozankei, ma qui di seguito potete trovare una lista più completa: www.tsunagujapan.com/10-must-visit-hot-springs-in-hokkaido/

Fonte: https://www.donnecultura.eu/?p=40855

Viaggiatrice, blogger, idealista e ottimista per natura. Adoro l'Asia, sono sempre in Giappone e ho un'anima geneticamente italo giapponese. Scrivo di viaggi, divoro libri, cerco di trovare nella scrittura la felicità più pura.